Storia

La Summer School di Marsala nasce da una collaborazione scientifica tra il dipartimento DEMS-Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali dell’Università di Palermo e il Comune di Marsala. Dopo la I edizione del 2016, il cui tema è stato incentrato sul Mediterraneo, quest’anno il titolo della II edizione sarà EUROPA E FUTURO. GENERE SICUREZZA CULTURE. Dal 29 agosto al 3 settembre si discuterà su una delle questioni più urgenti e ineludibili del mondo contemporaneo: il futuro politico dell’Europa. A sessant’anni dai Trattati di Roma, un anniversario che si celebra quest’anno, il progetto europeo nato all’indomani della II guerra mondiale con il fine di garantire pace e benessere nel continente e nel mondo, ha di fronte sfide enormi che mettono in discussione persino la tenuta politica dell’Unione Europea, come la vicenda della Brexit ha recentemente mostrato. Il tema prescelto sarà così declinato su alcuni nodi basilari attraverso cui passa il futuro stesso dell’Europa: genere, sicurezza e culture. Con l’apporto di esperti di fama internazionale provenienti da varie università italiane, si analizzerà il ruolo politico e la condizione della donna nelle società europee; il tema della sicurezza, che vede nel terrorismo un drammatico banco di prova; e il multiculturalismo, in cui i modelli di integrazione tradizionali vengono rivisitati alla luce delle nuove sfide dell’accoglienza e delle barriere. In sostanza è il tema dei diritti umani, che in Europa ha avuto una lunga gestazione forgiando il costituzionalismo come fondamento culturale dei sistemi liberali e democratici, che oggi viene sollecitato in modo radicale dalle sfide che sono state accennate. Il futuro dell’Europa, pensata come modello statale attivo per porre in essere politiche internazionali di pace, si incardina nella prospettiva dei diritti umani, che nell’epoca globale sono maggiormente vulnerabili. E’ una sfida politica e culturale, su cui la Summer School di Marsala intende porre una speciale attenzione.